L’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas può imporre prescrizioni che, attraverso l’integrazione del regolamento di servizio, possono in via riflessa integrare, ai sensi dell’art. 1339 c.c. (inserzione automatica di clausole), il contenuto dei rapporti di utenza individuali pendenti anche in senso derogatorio di norme di legge, ma solo a determinate condizioni (Corte di Cassazione, III Civile, sentenza 9 giugno – 31 agosto 2015, n. 17301).

I fatti 1. Il Tribunale di Crotone, con sentenza n. 938 del 26 novembre 2010, ha rigettato l’appello proposto dall’Enel Distribuzione s.p.a. Avverso la sentenza del Giudice di Pace di Petilia Policastro, che aveva accolto la domanda di B.A. nonché degli altri intimati indicati nella intestazione della presente sentenza intesa ad ottenere il risarcimento del Continua …

Bioetica: la CEDU dice no alla sperimentazione sugli embrioni: la conclusione è che sono individui.

Lo Stato ha il dovere di tutelare i diritti fondamentali degli individui come sono considerati gli embrioni: hanno il diritto all’autodeterminazione e perciò non possono essere donati alla ricerca ed alla sperimentazione scientifica. Sul punto le leggi e la giurisprudenza interna ed estera non sono concordi ed è necessario colmare questo vuoto con linee guida Continua …

Magistrato fa causa ad una testata giornalistica. Per la Cassazione anche le modalità di presentazione dell’articolo sono rilevanti per valutarne la valenza diffamatoria (Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 27 agosto 2015, n. 17198).

In tema di risarcimento danni da diffamazione a mezzo stampa, il diritto di cronaca soggiace al limite della continenza, che comporta moderazione, misura e proporzione nelle modalità espressive, le quali non devono trascendere in attacchi personali diretti a colpire l’altrui dignità morale e professionale, con riferimento non solo al contenuto dell’articolo, ma all’intero contesto espressivo Continua …