Affido condiviso: tra i due genitori litiganti, decide il “terzo”.

In materia di affido condiviso, è arrivata recentemente da un giudice di merito una sentenza senza precedenti: è il Tribunale di Reggio Emilia (prima sezione civile, presidente e relatore Annamaria Casadonte) ad averla pronunciata sfruttando il giovane articolo 337-ter del codice civile.

Ma vediamo di cosa si tratta.

C’è un bambino, purtroppo malato di autismo. Ci sono due genitori, che hanno deciso di non condividere più le loro vite. Ci sono tanti litigi.

E il giudice è chiamato a stabilire l’affidamento del minore.

L’uomo, però, lavora tutto il giorno e la donna è profondamente provata dalle condizioni di salute del figlio.

Dopo un’attenta e premurosa analisi della questione la decisione è quella di mantenere l’affido condiviso, ma con un aiuto: quello della responsabile della neuropsichiatria infantile e della responsabile del centro autismo, chiamate a stabilire, congiuntamente, quali siano le scelte fondamentali e indispensabili per preservare la salute del bambino.

Con l’aiuto di personale professionale e competente, quale quello del servizio sanitario, si cercherà quindi di evitare che la “guerra” tra i genitori, impegnati quotidianamente in uno scontro senza tregue, danneggi troppo il piccolo, già afflitto da una triste malattia.

Si solca quindi una strada quasi del tutto inesplorata, un nuovo modo per tentare di rendere meno dolorosi percorsi difficili di separazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.