Cassazione: dare uno schiaffo all’alunno è maltrattamento.

Va condannata per il più grave reato di maltrattamenti e non per quello di abuso dei mezzi di correzione, la maestra che dà schiaffi agli alunni.

Lo ha affermato la Cassazione (con la sentenza n. 4170/2016), confermando la condanna di un’insegnante della Val Camonica (in provincia di Brescia) arrestata nel 2012, in quanto colta in flagrante dai carabinieri, mentre schiaffeggiava un alunno di terza elementare.

La sesta sezione penale ribalta la sentenza della Corte d’Appello che aveva riqualificato l’imputazione in senso più favorevole all’insegnante, quale abuso dei mezzi di correzione o di disciplina continuato e percosse, in quanto non tutti i casi presi in esame rappresentavano “comportamenti inequivocabilmente vessatori” e comunque l’agente aveva agito “nel convincimento di perseguire il fine di educare e correggere la vittima”.

La stessa imputata riconosceva sostanzialmente i fatti indicandone le ragioni nella propria scelta di metodi di insegnamento improntati alla severità.

Ma per gli Ermellini va accolto il ricorso del procuratore generale che chiedeva una condanna più severa.

L’uso sistematico della violenza – hanno ribadito infatti i giudici della S.C. – “quale ordinario trattamento del minore, anche lì dove fosse sostenuto da animus corrigendi, non può rientrare nell’ambito della fattispecie di abuso dei mezzi di correzione, ma concretizza, sotto il profilo oggettivo e soggettivo, gli estremi del più grave delitto di maltrattamenti”.

Parola dunque al giudice del rinvio che dovrà determinare nuovamente la pena sulla base dei principi affermati.

2 thoughts on “Cassazione: dare uno schiaffo all’alunno è maltrattamento.”

  1. I am just extremely impressed with your writing skills and
    in addition with all the layout on your weblog.
    Is that this a paid theme or do you modify
    it yourself? In any event keep up to date
    the nice quality writing, it really is rare to find out
    a great blog similar to this one nowadays.

    1. Grazie tanto per le belle parole; facciamo tutto da soli e, con tanta pazienza, il risultato è il seguente che, però, deve piacere prima a noi poi a chi ha l’occasione di leggere.

      Thanks so much for the nice words; we do it all yourself, and with much patience, the result is the following, which, however, should take up to us then to those who have the opportunity to read.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.