Cassazione: se il proprietario non paga l’avviamento l’inquilino può rifiutarsi di lasciare l’immobile.

La Corte di Cassazione, con la sentenza numero 890/2016 depositata il 20 gennaio, ha reso un’interessantissima interpretazione in materia di avviamento commerciale.

Attraverso una lunga e articolata argomentazione, infatti, i giudici di legittimità hanno innanzitutto precisato che la prestazione del locatore di pagare l’indennità di avviamento commerciale e la prestazione del conduttore di restituire l’immobile nel quale si è svolta l’attività imprenditoriale sono interdipendenti sia sul piano funzionale che su quello strutturale.

Hanno però anche ricordato che la posizione creditoria del conduttore non può trovare un adeguato e pieno soddisfacimento nell’esercizio dell’eccezione di cui all’articolo 1460 del codice civile.

Questa, infatti, è idonea a legittimare solo il rifiuto di adempiere alla propria prestazione.

La rilevanza del nesso di interdipendenza tra le prestazioni, invece, unitamente alla loro necessaria strumentalità, rendono ragionevole che tra debitore e creditore si instauri una cooperazione tale da permettere al conduttore di offrire la riconsegna dell’immobile a condizione che gli sia pagata l’indennità di avviamento.

Ciò in ragione del principio di solidarietà, che deve informare di sé la buona fede e la correttezza nell’attuazione del rapporto obbligatorio, e alla luce della volontà del legislatore di privilegiare il credito di impresa.

Nel caso di specie, dunque, non c’è stato nulla da fare per l’insoddisfatto locatore: i tentativi di far valere almeno in sede di legittimità le sue ragioni dinanzi al diniego del conduttore sono andati in fumo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.