Cerreto Laghi, carabinieri salvano cane e padrone caduti in lago di ghiaccio. Provvidenziale intervento della Squadra Sciistica dei Carabinieri di Collagna.

Si è temuto il peggio l’altro giorno al Lago Pranda al Cerreto Laghi. A raccontare i momenti drammatici una cittadina di Massa.

“Mentre passeggiavo nella strada innevata che attraverso il bosco conduce al lago Pranda di Cerreto Laghi, ho scorto un cane che era precipitato nell’acqua ghiacciata dove c’era stato un cedimento, a circa 30 metri dalla riva ed a causa del ghiaccio non riusciva a risalire”.

A quel punto partono le chiamate ai soccorritori ma il peggio era dietro l’angolo. “Il padrone vedendo l’animale in grave difficoltà, per salvarlo, a sua volta è caduto nell’acqua gelata. Con grande spavento di tutti è riuscito a risalire sopra il giaccio e tornare a riva.

Poco dopo è arrivata l’auto della Squadra Sciistica dei Carabinieri di Collagna seguita dall’ambulanza della Croce Rossa.

Immediatamente i Carabinieri hanno gestito la situazione, uno dei due si è imbracato, è strisciato sul ghiaccio nella parte da lui calcolata più spessa, ha afferrato il cane oramai stremato ed entrambi sono stati velocemente tirati a riva dall’altro collega”.

La cittadina vuole pubblicamente ringraziare i tre carabinieri: “Il Carabiniere Isidoro Massaro che dal centralino del Comando di Castelnovo ne’ Monti ha ben raccolto la richiesta d’aiuto e coordinato l’intervento richiamando più volte e rassicurandoci, l’Appuntato Nicola Baldassari, Sciatore Soccorritore e l’Appuntato scelto Nicolò Provettini, Sciatore Soccorritore del Soccorso Alpino con Unità Cinofila da valanga assieme al fedele cane Eiger, entrambi in servizio alla Stazione di Collagna e Soccorritori da quasi 10 anni che hanno dimostrato competenza, efficienza, professionalità, velocità e prontezza nel coordinare la scena, grande delicatezza con l’animale soccorso e con la sua famiglia visibilmente scioccata per l’episodio, operando davvero in maniera ineccepibile senza esitazione alcuna”.

Ma anche una puntualizzazione: “L’episodio mi ha fatto riflettere sul fatto che nessuna staccionata e nessun cartello limitava ed avvisava dei pericoli del lago.

Il limite della riva e l’acqua ghiacciata vicino ad essa, coperte dalla recente nevicata, non erano distinguibili e di conseguenza molto pericolose.

Mi auguro che i responsabili del Parco Nazionale Appennino Tosco Emiliano, vogliano rivedere tutti i percorsi così tanto frequentati dai cittadini ed intervenire quanto prima per mettere in sicurezza le aree potenzialmente pericolose, non solamente segnalando rischi e pericoli.

Venerdì 8 dicembre 2017

Fonte

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.