Magistrato insulta carabiniere. I pm salvano il collega.

Il militare aveva chiesto i documenti al magistrato, che lo aveva apostrofato: “Ma vaffanculo”. L’accusato conferma, ma i pm chiedono l’archiviazione.

Un magistrato entra in una zona del Tribunale senza badge, un militare – facendo semplicemente il suo dovere – gli chiede i documenti per identificarlo, il pm si innervosisce e lo manda caldamente a quel paese.

“Ma vaffanculo”, è l’offesa rivolta dal pubblico ministero all’appuntato. Un insulto che il carabiniere ha ritenuto di dover denunciare alla procura della Repubblica di Palermo. E che i pm non hanno mancato di archiviare, salvando il collega dal processo.

L’insulto del magistrato al carabiniere

È questa la sintesi della vicenda che ha investito la procura di Palermo e un appuntato del reparto scorte della città palermitana. Ma facciamo un passo indietro.

È dicembre 2015 quando il giudice in questione entra nell’area blindata della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo senza usare il badge. L’appuntato, non conoscendo di vista il pm, non poteva chiudere un occhio.

E così ha chiesto più volte i documenti alla toga, evidentemente infastidita da tanta insistenza. E così, dopo aver rifiutatalo l’identificazione, ha apostrofato il militare, dicendo: “Vaffanculo”.

La vicenda, come scrive il sito di informazione su sicurezza, difesa e giustizia grnet.it, sarebbe stata confermata anche da altri tre carabinieri presenti al momento dell’insulto e anche dal pm stesso nella relazione di servizio.

Ma non è bastato. La procura di Caltanissetta cui è stato inviato il fascicolo, infatti, ha deciso che non è possibile punire il pubblico ministero, chiedendo l’archiviazione del caso. Il motivo? Il militare avrebbe sbagliato a insistere nel chiedere i documenti “quando appariva ormai chiaro che si trattava di un magistrato e quando lo aveva certamente valutato come un soggetto inoffensivo dal punto di vista della sicurezza del magistrato da lui protetto“.

Insomma: i pm ce l’hanno scritto in faccia che sono magistrati e possono così mandare a quel paese un militare. Senza rischiare di essere puniti.

Fonte

1 thought on “Magistrato insulta carabiniere. I pm salvano il collega.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.