Sanzioni amministrative: opposizione a sanzione amministrativa (Corte di Cassazione, Sez. Unite, sentenza 22 settembre 2017, n. 22080).

Le Sez. Unite (all.1) hanno affermato che l’opposizione a cartella di pagamento, per la riscossione di sanzione amministrativa pecuniaria irrogata ai sensi del codice della strada, va proposta, nel termine di trenta giorni, a pena di inammissibilità, ex art. 7 d.lgs. n. 150 del 2011 e non ex art. 615 c.p.c., qualora la parte deduca che essa costituisce il primo atto con il quale è venuta a conoscenza della sanzione irrogata in ragione della nullità o dell’omissione della notificazione del processo verbale di accertamento della violazione del codice della strada.

Corte di Cassazione Sez. unite sentenza 22 sett. 2017 n. 22080

2 thoughts on “Sanzioni amministrative: opposizione a sanzione amministrativa (Corte di Cassazione, Sez. Unite, sentenza 22 settembre 2017, n. 22080).”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.