Lilli Gruber critica il Ministro Salvini adducendo: “è stata una passerella politica”. Il Ministro Buonafede gli risponde a tono (Video).

video
Il video è stato preso da quì

LILLI GRUBER CRITICA SALVINI PER LA SUA PRESENZA ALL’ARRIVO DI BATTISTI, MA SI DIMENTICA CHE….

Ho notato che da due giorni non si parla d’altro. Tutti a criticare il fatto che Salvini e Bonafede fossero presenti in aeroporto all’arrivo di Cesare Battisti.

Bene allora facciamo chiarezza!

Innanzitutto mentono tutti i conduttori di trasmissioni politiche a partire da 8 e mezzo di Lilli Gruber che ultimamente trovo essere particolarmente vergognosa per quanto garantista nei confronti di certa sinistra. Pensate che in quella trasmissione si è detto addirittura che “non si era mai visto un ministro rendere omaggio ad un carcerato”.

E allora la Sig.ra Lilli Gruber si informasse bene prima di aprire quella “bocca”.

La Sig.ra dimentica quel lontano agosto del 1999 quando un Ministro di Grazia e Giustizia, tal Oliviero Diliberto andò a Ciampino per ricevere pieno di gioia la condannata Silvia Baraldini, una compagna comunista che l’Italia era riuscita a riportare nelle patrie galere italiane grazie ad un silenzioso accordo con gli americani per il disastro del Cermis.

Si dice che il ministro di Grazia e Giustizia subito dopo accompagno addirittura con l’auto blu la madre Maria Dolores Baraldini fin sotto a casa e chi lo sa, magari fu invitato anche a bere il caffè nel salotto buono.

Ma lui certe cose poteva permettersele evidentemente almeno quanto oggi possono essere omesse ai telespettatori. Diliberto infatti non era un ministro qualsiasi, era un compagno di Rifondazione Comunista quindi si poteva chiudere un occhio o anche tutti e due “e chissene” se la cosa suscitò non poche polemiche.

Il Falcon 900 del governo che l’aveva prelevata negli Stati Uniti tra l’altro senza autorizzazione di spesa atterrava esattamente alle 11.20 all’aeroporto di Ciampino e Silvia Baraldini in abito elegante come una soubrette da prima serata scendeva la scaletta accompagnata da Manuela Palermi, consigliere politico del ministro Diliberto che l’aveva inviata in America affinché la compagna Baraldini potesse far il viaggio di ritorno in Italia in compagnia di un volto amico.

La pista di atterraggio rimase off-limits per i giornalisti per ordine dello stesso Ministro Diliberto e vi poterono accedere solo una trentina tra fotografi e cineoperatori e giusto qualche giornalista, ma solo di quelli notoriamente più vicini al partito.

Alle dodici e un quarto la Baraldini era già arrivata a Rebibbia. Il lungo corteo delle auto di scorta fu accolto da un sit-in di compagni al grido “Per Silvia Baraldini libertà “, e “Liberi tutti”. Qualcuno stappò una bottiglia di champagne con la quale poi bagnò quella folla di circa trecento persone, e alcune compagne gettarono mazzi di rose sull’auto.

Alla manifestazione oltre al direttore di “Liberazione” Sandro Curzi, parteciparono anche:

Lucio Manisco oggi a Potere al Popolo,
Giovanni Russo Spena,
Leoluca Orlando Sindaco di Palermo,
Armando Cossutta,
Marco Rizzo

Era presente l’intera delegazione parlamentare dei Comunisti italiani.

Ecco Sig.ra Lilli Gruber. Questo atteggiamento nei confronti di una criminale quale è stata ed è ancora Silvia Baraldini è deprecabile e vergognoso, non due ministri che presenziano all’arrivo di un criminale latitante che quelli di cui sopra ho narrato hanno protetto e nascosto alla giustizia per quasi 40 anni.

I nostro Salvini poi era lì per dimostrare agli italiani una cosa assai importante, ossia che lo Stato è tornato ad essere presente nel nostro paese, non è più uno Stato latitante che garantisce rifugio e protezione a certi criminali di sinistra. Ha reso omaggio al fantastico lavoro svolto dalle forze dell’ordine che sono di sua competenza. Ha mostrato all’Italia il cambiamento tramite un successo ottenuto in pochi mesi grazie ad una politica giusta. Qualcosa in cui i governi precedenti avevano intenzionalmente fallito.

NESSUN OMAGGIO DUNQUE!!!

Lo Stato è tornato Sig.ra Lilli Gruber e chi ha sbagliato va assicurato alla giustizia oltre che riportato a casa.

Vedrà, tra un lifting e qualche iniezione botulinizzante riuscirà a farsene una ragione anche lei.

Cordiali saluti.

Il commento è stato a cura della pagina Facebook: Io sono Italia