Anatocismo: interessi nulli anche sui contratti bancari stipulati prima del 2000.

È recentemente stata emanata dal Tribunale di Foggia un’interessante sentenza in materia di mutui e anatocismo, che conferma un trend a sostegno dei consumatori ormai consolidato nei diversi tribunali.

Ci si riferisce, in particolare, alla pronuncia numero 541 pubblicata il 18 febbraio 2016.

Con essa i giudici hanno infatti ricordato che è ormai pacifica l’illegittimità della capitalizzazione trimestrale degli interessi per i contratti bancari che, come quello in contestazione nel caso di specie, sono stati stipulati anteriormente al 22 aprile 2000. Ciò in quanto trattasi di prassi contrastante con l’articolo 1283 del codice civile, in base al quale gli interessi scaduti, in mancanza di usi normativi contrari, possono produrre interessi solo dal giorno in cui è stata proposta domanda giudiziale o per effetto di una convenzione posteriore alla loro scadenza e pur sempre se dovuti per almeno sei mesi. 

Il Tribunale pugliese, a tal proposito, ha effettuato un’analitica ricostruzione dell’evoluzione giurisprudenziale e normativa in materia, precisando come oggi il riferimento regolativo della situazione sia contenuto nella delibera del CICR – comitato interministeriale per il credito ed il risparmio del 9 febbraio 2000, entrata in vigore il 22 aprile 2000.

Se con la legge 342 del 1999 si era tentato di introdurre una sanatoria delle clausole relative alla produzione di interessi contenute nei contratti conclusi anteriormente all’entrata in vigore della delibera, la sentenza della Corte costituzionale numero 425/2000 ha, tuttavia, dichiarato l’illegittimità costituzionale di tale previsione.

Con la conseguenza che, per il periodo precedente alla delibera del CICR è tornato in auge il revirement della Cassazione, secondo il quale deve considerarsi illegittima la pratica della capitalizzazione degli interessi debitori nei rapporti di conto corrente, poiché fondata su un uso negoziale e non su un uso normativo.

Oltretutto, anche con sentenza numero 21095/2004, i giudici di legittimità hanno chiarito che la nullità delle clausole di capitalizzazione trimestrale degli interessi riguarda anche quelle contratte prima del nuovo orientamento giurisprudenziale.

Ecco quindi che nel caso di specie va dichiarata la nullità della clausola anatocistica con conseguente negazione del diritto della banca alla capitalizzazione annuale degli interessi passivi, dato che non vi è possibilità di integrare legalmente il contratto con clausole che prevedono capitalizzazioni di diversa periodicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.