Cassazione, deve stare in carcere l’imputato che, intervenuto a difesa della madre coinvolta in un diverbio sulla circolazione stradale, ha sferrato un pugno alla controparte (Corte di Cassazione, Sezione V Penale, Sentenza 7 settembre 2020, n. 25238).

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DE GREGORIO Eduardo – Presidente – Dott. SESSA Renata – Consigliere – Dott. TUDINO Alessandrina – Consigliere – Dott. MOROSINI Elisabetta Maria – Rel. Consigliere – Dott. BRANCACCIO Matilde – Consigliere – ha pronunciato Continua …